PER IL FUTURO DELL’ITALIA

Esattamente un mese fa ho scritto un post che ripropongo e che avevo chiamato:

 VERSO UN GOVERNO LEGA – M5S

 Oggi la magistratura ha risolto la crisi di governo. La presa di distanza di Berlusconi dal M5S in Molise, le aggressioni di Di Maio ai rappresentanti di Forza Italia dopo la Condanna di Mori e di Dell’Utri, porteranno all’abbraccio tra la Lega che mollerà la coalizione in cambio della presidenza del Consiglio, e guiderà il governo con i pentastellati. Ci sarà così una fortissima opposizione che sulle ali contrasterà il governo, che intanto avrà occupato tutti i posti di potere e non fornirà alcuna risposta ai problemi del Paese, né tantomeno alle aspettative dei milioni di elettori che hanno sostenuto i due partiti. Quei politici ancora degni di questo nome potranno finalmente digerire che non esistono più destra e sinistra ma solo soggetti responsabili o irresponsabili; forse i primi potranno sedersi intorno ad un tavolo rotondo, per ora non di governo, per sancire la pariteticità sociale rinunciando ai massimalismi e cercando consenso da parte delle donne e degli uomini che cercano soluzioni ai problemi.

I repubblicani sono pronti ad offrire il contributo delle loro idee ad una politica responsabile e non populista.

 21 aprile 2018

 Lo ripropongo oggi non per vanagloria o per il piacere dell’autocitazione, bensì per offrire un contributo alla ricerca di una soluzione. È necessario riprendere la nostra funzione di custodi della Costituzione calpestata, oltre che del rispetto dei ruoli e delle prassi.

Tutta l’azione di occupazione e spartizione del potere di questi giorni, è per noi repubblicani una indicazione preziosa sui comportamenti che dovremmo tenere.

Non abbiamo niente da spartire con questi signori e chi dovesse compiacersi di vedere il nome di qualcuno che si definì repubblicano tra quelli ipotizzati tra i membri del nuovo governo, non si rende conto della incompatibilità rispetto a quello che pensiamo.

Vecchi signori eccitati dall’idea di ritornare ad occupare le stanze del potere, sono patetici, ed i sostenitori di questa aberrazione si sentano semplicemente orfani di un “leader maximo” che possa guidarli verso un futuro luminoso.

La unica soluzione è come dicevo un mese fa, è quella, superata la manichea dicotomia destra sinistra, di raccogliere le forze di opposizione che possono far ripartire il Paese. Noi repubblicani siamo pronti a fare la nostra parte di catalizzatori.

22 MAGGIO 2018

Giuseppe Moesch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...